L’aiuto della psicoterapia nella cura del vaginismo

Il Vaginismo è un disturbo che si manifesta con un forte dolore vulvo -vaginale che impedisce la penetrazione durante il rapporto sessuale o la rende estremamente dolorosa. Il dolore è causato da una forte contrazione dei muscoli del pavimento pelvico che impedisce appunto l’entrata del pene.

Dal punto di vista psicologico la donna che soffre di vaginismo ha un forte timore del dolore che può essere causato del rapporto ma non è esclusa la presenza di desiderio di avere un rapporto sessuale completo. Spesso anche la sensazione di contrazione dei muscoli non è così consapevole e la persona può definirsi “rilassata” anche se a livello muscolare non è realmente così. Il fallimento nei rapporti sessuali completi tende a creare un circolo vizioso che facilmente porta la donna e il partner ad un vissuto di tristezza, rabbia e senso di fallimento. La donna in particolare può sviluppare sentimenti depressivi di autosvalutazione e di colpa, sentendosi inadeguata dal punto di vista sessuale e personale.

Tra le cause del vaginismo ci può essere un vissuto traumatico più o meno consapevole ma anche una struttura di personalità rigida e/o ansiosa può contribuire all’insorgenza del problema. Nella maggior parte dei casi la cura è possibile ed efficace ed è come sempre importante rivolgersi a specialisti preparati che possano anche lavorare in equipe per aiutare la persona sia dal punto di vista fisico che psicologico.

Nel lavoro psicologico è importante che si costruisca una buona alleanza terapeutica e successivamente si imposti il percorso psicoterapeutico che può prevedere esercizi pratici (Terapia Mansionale Integrata), terapia cognitiva sui pensieri negativi che alimentano il disturbo ed eventualmente la tecnica EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) per la rielaborazione di eventuali traumi.

Tutti i trattamenti hanno come obbiettivo quello di aumentare nelle pazienti la conoscenza di ciò che mentalmente le blocca, la consapevolezza corporea e conseguentemente la capacità di rilassarsi per  evitare gli spasmi involontari della muscolatura.

Quando è possibile, nel percorso psicoterapeutico viene coinvolto il partner che può diventare un elemento fondamentale nella buona riuscita della terapia. Lavorare con la coppia permette di comunicare ad entrambi quali possono essere i comportamenti più utili per la soluzione del problema e comunque aiuta a dividere la responsabilità, facendo sentire la donna meno sola e meno colpevole.

https://www.facebook.com/centrohmodena/

modigliani-14

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *